TACCHINO ALLA ZUCCA – homemade dog food

Pappa quotidiana di facile realizzazione, leggera e digeribile, può essere surgelata dopo cotta per ottimizzare al meglio i tempi di gestione dei pasti del nostro amico Fido.

Il kefir è un latte fermentato ( il migliore è quello di capra) ed è un ottimo probiotico in quanto contenendo i migliori ceppi di batteri amici dell’intestino, aggiunto alla pappa aiuta nella digestione e riequilibra la flora batterica intestinale.

La zucca è un ottimo alimento che aiuta nella digestione, ricco di fibre, e di vitamine, con il suo gusto dolce è di solito molto gradito al palato di Fido.

ATTENZIONE: gli spinaci, seppur pieni di vitamine e sali minerali, non possono essere dati in grandi quantità, in quanto contenendo acido ossalico porterebbero alla formazione di calcoli renali nei cani predisposti.

tacchino alla zucca - ingredienti
tacchino alla zucca – ingredienti

INGREDIENTI:

  • COSCIO DI TACCHINO
  • RISO BASMATI
  • ZUCCA
  • SPINACI LESSATI
  • OLIO DI GIRASOLE
  • LATTE DI KEFIR
tacchino alla zucca - preparazione
tacchino alla zucca – preparazione

PREPARAZIONE:

ho preso della polpa di coscio di tacchino e l’ho tagliata a pezzetti e scottata da tutti i lati sulla piastra lasciandola cruda all’interno, in questo modo ho eliminato la carica batterica superficiale e mantenuto intatte le sostanze nutritive della carne, inoltre lasciandola semicruda risulta molto più digeribile per i nostri amici a 4 zampe.

Il riso basmati è cotto e sciacquato sotto l’acqua corrente per togliere eventuali residui di amido.
Ho tagliato a pezzetti la zucca e l’ho cotta in un tegame antiaderente con un pochino di acqua e un rametto di rosmarino (poi eliminato), a fine cottura ho schiacciato bene tutta la polpa per permettere una maggiore assimilazione dell’alimento.
Ho unito il tutto nella ciotola e ho aggiunto alla fine l’olio di girasole e il kefir.

NOTAnon stracuocere i carboidrati  (riso, pasta), risciacquarli dopo la cottura per togliere l’amido in eccesso. La gelatinizzazione aumenta l’indice glicemico e impedisce l’allontanamento dell’amido dopo la cottura, pertanto una cottura prolungata porta ad avere l’effetto contrario.

QUALI VERDURE DARE AL NOSTRO CANE

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

*