SPRECO ALIMENTARE: CUCINARE DIVENTA ECOLOGICO

spreco alimentare: cucinare diventa ecologico

 

Ridurre lo spreco alimentare è oggi un obbligo etico e sociale, non solo per il tempo di crisi di questo periodo storico, ma anche per evitare l’impoverimento delle risorse biologiche del pianeta.

A livello nazionale in Italia si sprecano circa 2,2 milioni di tonnellate di cibo l’anno (circa 145 kg di cibo per abitante fonte Ansa) ed è stata varata nel 2016 una legge anti-spreco n. 166/2016 che recita così:

“La presente legge persegue la finalita’ di ridurre gli sprechi 
per ciascuna delle fasi di produzione, trasformazione, distribuzione
e somministrazione di prodotti alimentari, farmaceutici e di altri  prodotti (…..)”

 

MA E’ POSSIBILE CUCINARE SENZA SPRECO ALIMENTARE ?

 

Per una cucina sostenibile, di base bisogna utilizzare tutto l’alimento, comprese le parti meno nobili, impiegando creativamente gli scarti della cucina.

Chi mi segue da tempo sa che nelle mie ricette capita spesso che parlo di “ritagli” di carne o di pesce con un duplice scopo: sia per spuntare un buon prezzo pur dando alimenti ottimi, sia per cercare nel mio piccolo di limitare gli sprechi di cibo che sono purtroppo all’ordine del giorno e davvero scandalosi a parere mio quando perpetrati industrialmente su larga scala.

Basti pensare ai prodotti ortofrutticoli scartati perchè non in standard di misura (troppo grandi o troppo piccoli) o per ragioni estetiche.

L’idea di una ECO-CUCINA non è nuova, la praticavano assiduamente le nostre nonne, avanzi che si tramutavano in piatti eccezionali : canéderli, cassoeula, ragù, sformati, ciccioli … piatti che oggi sono diventati parte della nostra tradizione culinaria.

 

11 RICETTE ANTISPRECO PER DARE NUOVA VITA AD ALIMENTI CHE ALTRIMENTI AVRESTI BUTTATO VIA

 

Il cibo più sprecato è la verdura, è la più deperibile, e poi diciamocelo … anche noiosa da pulire…. eppure è così semplice riciclarla !
Possedere un essiccatore ti permette di realizzare delle vere e proprie meraviglie, mantenendo inalterate le sostanze negli alimenti.
Penso ad esempio alle bucce più coriacee che essiccate e tritatate possono diventare delle ottime farine da utilizzare non solo per i cani, ma per un brodo vegetale dell’ultimo minuto con risultati stupefacenti. Con la frutta troppo matura da essere mangiata puoi realizzare dei fantastici biscotti sani e pieni di gusto.

Seguire la stagionalità, controllare le scadenze dei prodotti confezionati, acquistare sempre il giusto ottimizzando la lista della spesa settimanale, sono degli accorgimenti che ti possono aiutare a non sprecare.

Ma se ti avanzano degli alimenti e non sai cosa farne, ecco qui … ti suggerisco una raccolta di ricette che strizzano l’occhio al portafoglio e all’ambiente, quando gli scarti diventano delle specialità, senza sprecare nulla ( o quasi ).

 

  1.  – Farine grain free – gluten free
  2.  – snack essiccati di cotenna
  3.  – scatoletta per cani fai da te
  4.  – biscotti alla frutta per cani
  5.  – biscotti alla frutta con avanzi dell’estrattore di succo
  6.  – zuppetta di pollo con patate e carote
  7.  – scatoletta al salmone per cani e gatti
  8.  – biscotti al formaggio
  9.  – orzo con testa di rana pescatrice
  10.  – biscotti al salmone con esubero del lievito madre
  11.  – brodetto di pescatrice con zucchine per gatti

E tu come vivi gli sprechi ? …. PENSA ECOLOGICO  … tra i buoni propositi di quest’anno metti al primo posto delle buone e sane abitudini !

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.