LA TRIPPA PER I CANI : una leccornia irresistibile !

la trippa per i cani

 

E’ proprio il caso di dire che oggi c’è TRIPPA PER CANI !!!! Ma che cos’è la trippa ?

La trippa è una frattaglia facente parte del quinto quarto, sostanziosa e nutriente, ricca di proteine, sali minerali, vitamine ed è ricavata da varie parti dello stomaco dei bovini.

E’ consumata fin dall’antichità e costituisce tutt’oggi un alimento tradizionale in molte regioni d’Italia, ovviamente troviamo tantissime ricette diverse realizzate con le diverse parti dello stomaco, in base alla località di provenienza. Trippa alla fiorentina, alla veneta, alla romana, il lampredotto fiorentino …. ma vediamo bene da quali parti dello stomaco proviene.

 

Lo stomaco dei bovini è composto da quattro cavità:

  • RUMINE – la parte più estesa (circa 80%) e più grassa.
  • RETICOLO (cuffia, nido d’ape) è la parte più spugnosa
  • OMASO (millefogli, centopelli) corrisponde alla parte più magra della trippa, ha una caratteristica struttura a lamelle.
  • ABOMASO (caglio, lampredotto) è la parte più vicina all’intestino ed è quello che corrisponde di più ad uno stomaco vero e proprio. Di colore molto più scuro e piuttosto grasso.

La trippa migliore per i nostri cani è la cosiddetta TRIPPA VERDE, con ancora gli enzimi digestivi, cioè non trattata e lavata, introvabile nelle macellerie uso umano in quanto vietata per legge.  E’ carica di batteri buoni utili all’intestino del cane che aiutano la digestione e l’assorbimento dei nutrienti, indispensabile all’interno di una dieta BARF.

Quella che invece si trova nelle vaschette dei supermercati, bella bianca e già tagliata a striscioline, è sbianchita con detergenti chimici, pertanto, anche per il consumo umano, è sicuramente da preferire la TRIPPA GRIGIA o SCURA, che ha subito solo il giusto lavaggio e una leggera scottatura che ne mantiene le qualità organolettiche.

La trippa scura ad uso umano, anche se è meno trattata, ha perso comunque le sue funzioni di alimento probiotico che riequilibra la flora batterica intestinale, ma mantiene tuttavia le sue qualità proteiche.

Vediamo quali sono i suoi valori nutrizionali (fonte INRAN – CREA )

COMPOSIZIONE CHIMICA TRIPPA BOVINA USO UMANO
VALORE PER 100 GR – parte edibile

  • Acqua – gr 72
  • Proteine – gr 15,8
  • Lipidi – gr 5
  • Energia (Kcal) 108
  • Sodio – mg 107
  • Potassio – mg 18
  • Ferro – mg 4
  • Calcio – mg 8
  • Fosforo – mg 50
  • Tiamina (vit. B1 )– mg 0,14
  • Riboflavina (vit. B2) – mg 0,18
  • Niacina ( vit. PP o B3 ) – mg 1,6
  • Vitamina C – mg 3

la trippa per i cani

QUAL’E’ IL MODO MIGLIORE PER DARE LA TRIPPA AL CANE ?

Per mantenere intatte le sue proprietà la trippa scura uso ad umano deve essere consumata cruda (tra l’altro è già precotta) o appena scottata, in quanto la bollitura ne annulla le proprietà nutrizionali. Può essere abbinata alla carne nella giusta quota di frattaglie destinata al pasto del tuo cane.

La trippa verde invece va assolutamente data così com’è, proprio per beneficiare di tutti gli enzimi probiotici in essa contenuti. Ha un “odore” (per non dire altro !), molto penetrante e per questo è possibile acquistarla sottovuoto o già essiccata su molti siti BARF.

Le porzioni in eccesso possono essere tranquillamente congelate e usate all’occorrenza.

Ottima come premio sotto forma di stick tagliata a striscioline o intrecciata, per poi farla essiccare destinando le trecce ai cani con mascelle più importanti, la trippa è un alimento naturale che manderà in estasi il tuo cane.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.