Come far FUNZIONARE LA DIETA CASALINGA per il tuo cane: 7 consigli PRATICI

come far funzionare la dieta casalinga per il tuo cane: 7 consigli pratici

 

 

Una dieta casalinga equilibrata per il tuo cane, sana e nutriente, è un fattore essenziale per una buona salute. Lavorare a stretto contatto con il veterinario per stabilire un programma di benessere, aiuterà il tuo cane ad essere in ottima forma e salute ed è anche un ottimo strumento per monitorare l’efficacia della dieta.

Molto spesso si rinuncia alle prime difficoltà tornando alla vecchia alimentazione. Ecco qui 7 CONSIGLI PRATICI per far funzionare la dieta casalinga per il tuo cane:

 

  1. introdurre la dieta casalinga
  2. valutare la dieta
  3. controllo del peso
  4. controllo del benessere
  5. esami chimici
  6. controllo delle feci
  7. osservazione

1 – INTRODURRE LA DIETA CASALINGA

La maggior parte dei cani, specialmente quelli nutriti esclusivamente con cibo industriale, di solito non mangiano una grande varietà di cibo. Il loro apparato digestivo ha bisogno di tempo per abituarsi ad una nuova dieta. E’ in definitiva lo stesso approccio che hanno i genitori quando introducono nuovi alimenti ad un bambino nello svezzamento.

E’ fondamentale introdurre i nuovi alimenti gradualmente, uno alla volta, lentamente …. ti aiuterà a riconoscere eventuali problemi alimentari (diarrea – gas – vomito) che di solito si verificano entro le 24 ore dall’ingestione.

Leggi anche: Come iniziare l’alimentazione naturale per il tuo cane

2 – VALUTARE LA DIETA

Con il passaggio dai croccantini ad una dieta casalinga avviene un notevole cambiamento nella consistenza e digeribilità del cibo, e dato che l’intestino ha bisogno di alcuni giorni per adattarsi, il cane potrebbe soffrire di una diarrea temporanea.

Controlla la reazione del tuo cane alla nuova dieta, perchè nessuna di esse, commerciale o casalinga, è perfetta per ogni esemplare. CONSULTA IL VETERINARIO O IL NUTRIZIONISTA specialmente se stai apportando delle modifiche all’alimentazione e osserva i cambiamenti sia fisici che emotivi.

3 – CONTROLLO DEL PESO

Una volta che il cane ha iniziato la nuova alimentazione, devi tenere il peso sotto controllo regolarmente, pesandolo ogni 15 giorni. All’inizio c’è sempre un lieve calo di peso dovuto alla diminuzione dei carboidrati presenti in maniera massiccia nelle crocchette industriali. Oltre al peso con la bilancia, controlla anche i cambiamenti di grasso e muscoli.

Se dopo 15 giorni il cane perde ancora peso ma è in buona salute il motivo è semplice: nella dieta non ci sono abbastanza calorie e va aumentata la quantità di cibo. Se invece l’animale non perde più peso mantieni la dieta su quel livello.

Al contrario, se il cane ingrassa vuol dire che mangia troppo e devi ridurre l’apporto calorico fino a che il peso non rimane stabile.

4 – CONTROLLO DEL BENESSERE

Per aiutare il cane ad essere in buona salute è importante stabilire con il veterinario un controllo del benessere. Include visite mediche e analisi cliniche: sarà il veterinario che stabilirà la frequenza in base all’età e allo stato di salute del cane.

Questo ti permetterà di rilevare eventuali problemi mentre sono ancora nella fase iniziale e controllare se la dieta è adeguata o va corretta.

5 – ESAMI CHIMICI

Gli esami chimici forniscono indicazioni sulla funzionalità degli organi, sulla salute cellulare e sui livelli di minerali presenti nel sangue. Una pronta diagnosi di livelli anormali può portare a delle regolazioni della dieta per evitare future malattie.

L’esame delle urine controlla funzionalità dei reni e tratto urinario, può individuare cristalli o sedimenti, in questo caso la dieta va modificata.

6 – CONTROLLO DELLE FECI

Le feci del cane possono fornire molte informazioni sulla sua salute, oltre a stabilire la digeribilità del cibo che mangia. Per questo è importante fare attenzione e riconoscere segnali che indicano eventuali problemi.
Le feci sane variano dal marrone scuro al marrone chiaro, oppure rispecchiano il cibo mangiato (ad es. se ha mangiato carote, tenderà all’arancione).
Non devono mai essere rosso acceso o nere, questo indica la presenza di emorragie nel tratto digerente e necessita di una IMMEDIATA visita veterinaria.
Le feci sane devono essere solide ma mai dure: se sono troppo grandi è possibile che nella dieta ci siano troppe fibre . La stitichezza si verifica quando il cane fa molta fatica a defecare con feci secche e dure, in questo caso di solito si aggiungono fibre.
La diarrea invece, può verificarsi per tantissimi motivi, soltanto alcuni sono legati all’alimentazione.

In ogni caso, sia in caso di stitichezza che di diarrea, specialmente se la diarrea pesiste da più di 24 ore consulta subito il veterinario.

7 – OSSERVAZIONE

Imparare a conoscere il tuo cane come te stesso! Le tua capacità di osservazione è lo strumento più importante che hai a disposizione per mantenere il cane in buona salute. In questo modo riuscirai a notare subito qualsiasi cambiamento nell’appetito, nelle feci, nella vitalità e nell’aspetto in generale.
Fai particolare attenzione anche ai cambiamenti nel comportamento perché possono essere importanti indicatori di problemi di salute.

CONCLUSIONE

In conclusione per avere un buon equilibrio e far funzionare la dieta il segreto è OSSERVARE E CALIBRARE con pazienza e perseveranza. I benefici non tarderanno ad arrivare !!!

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.