CANE INAPPETENTE: 6 consigli e lucida la ciotola

cane inappetente: 6 consigli e lucida la ciotola

Se hai un cane inappetente o che mangia poco e non sai come fare, qui trovi alcuni consigli pratici per guidarti ad una quotidianità più serena anche se FIDO fa qualche capriccio e lo hai viziato, vedrai che tornerà ad avere appetito.

Quando il proprio cane non mangia, il proprietario entra sempre in uno stato ansioso tale da mettere in atto le più fantasiose strategie fai-da-te pur di far mangiare un boccone qualsiasi a Fido: imboccare il cane  col cucchiaio o sdraiati a terra, offrire i cibi più impensati (e sempre inadatti) … entrando in un vortice di errori da cui difficilmente poi si riesce ad uscire. Quando invece la prima cosa da fare è capire se è un capriccio oppure dovuto a qualche problematica più importante.

Ti potrebbe interessare anche: COME FAR FUNZIONARE LA DIETA CASALINGA DEL TUO CANE: 7 CONSIGLI PRATICI

CANE INAPPETENTE CAUSE

Le cause per cui il tuo cane non mangia possono essere tantissime: dal dolore fisico causato da una qualsiasi problematica, al dolore psicologico causato ad esempio dall’allontanamento dal nucleo familiare (cane lasciato a pensione per le vacanze), un viaggio che ha cambiato le sue abitudini.
Anche le condizioni climatiche possono incidere sull’appetito del cane, il caldo torrido fa perdere l’appetito anche a loro.
Il periodo del calore può influire sull’appetito: alcuni maschi smettono di mangiare e le femmine mangiano meno.

Sono tutte cause temporanee e facilmente superabili, ma se il problema persiste è essenziale valutare la presenza di problemi fisici più importanti.

Nei casi più gravi l’inappetenza del cane può essere causata da malattie come infezione alla bocca, nausea, cancro, insufficienza renale, problemi al fegato … in ogni caso se il digiuno assoluto senza motivi apparenti dura più di 24 ore è OBBLIGATORIA LA VISITA DAL VETERINARIO DI FIDUCIA, che accerterà le cause con gli esami diagnostici che ritiene più opportuni.

Se invece il cane mangia poco rispetto alle dosi previste e lascia sempre qualcosa nella ciotola, ma è in perfetta salute, molto probabilmente la quantità del cibo è troppa per il suo metabolismo: ci sono cani che mangiano meno e cani che mangerebbero il mondo, non ce ne dimentichiamo !!!

cane che mangia poco

COME CONVINCO IL MIO CANE A LUCIDARE LA CIOTOLA ?

Ecco 6 semplici consigli per fare in modo che il tuo cane mangi regolarmente:

  • 1. instaura una routine facendo mangiare il tuo cane a orari fissi (mattino e sera) lasciando la ciotola a disposizione per 15 minuti al massimo, NON TUTTO IL GIORNO. Togliere la ciotola se non ha mangiato e ripresentarla dopo 10 minuti. Se non mangia ancora ripresenta il tutto al pasto successivo senza aggiungere altri ingredienti che possano indurre furbamente il cane a tenerti in pugno.
    Qualora passato l’orario viene a cercare cibo, non dargli nulla fino all’orario giusto che hai stabilito. Nel caso che fai alimentazione con scatolette di umido commerciale o cibo fresco cucinato, il pasto va conservato in frigo, nessun problema con crocchette secche. Non sentirti in colpa, non si lascerà morire di fame.
  • 2. non somministrare mai al cane inappetente snack che lo possano saziare facendolo arrivare all’ora del pasto con scarso appetito. I bocconcini succulenti presi dalla dispensa non faranno altro che convincerlo a rifiutare il cibo sano. Specialmente nei cani di piccola taglia che mangiano piccole quantità, gli snack devono essere ben dosati nell’arco della giornata per non farli arrivare sazi all’ora del pasto.
  • 3. controllare che l’orario dei pasti non sia troppo ravvicinato (tipo pranzo e cena) distanziando i pasti di circa 12 ore l’uno dall’altro. Deve avere il tempo di digerire tra un pasto e l’altro.
  • 4. Forse non lo sai ma i cani possono essere schizzinosi, cambiare gusto nel tempo e avere dei gusti speciali esattamente come noi umani
    Qui rientriamo nel caso dei cani che si stancano di mangiare sempre la stessa cosa e vogliono variare.
    Il vantaggio di un’alimentazione casalinga è la varietà e il gusto degli ingredienti che usi.
    Se invece mangia industriale un buon trucco è aggiungere alle crocchette del cane un mestolo di brodo caldo (di carne o di verdure) che aiuta ad insaporire una ciotola sempre uguale senza sbilanciare troppo i nutrienti.
    Nel caso di alimentazione naturale l’alternanza degli alimenti sicuramente non favorisce la noia e non dovresti avere problemi.
  • 5. all’ora del pasto non restare vicino a Fido con faccia afflitta controllando ogni boccone, servirà solo a comunicare ansia al tuo cane e ad aumentare la sua soddisfazione. Molto spesso un cane inappetente è solo in cerca di coccole e di attenzioni.
  • 6. è buona regola fare una bella passeggiata prima del pasto, al minor esercizio fisico corrisponde un minor appetito. Una passeggiata in compagnia, una corsetta o gioco con altri cani sicuramente aiutano sia lo spirito che l’appetito.

Quello del cane che non mangia o mangia poco è una problematica che può sembrare assurda a chi ha il problema opposto: un cane perennemente morto di fame che elemosina costantemente a tavola.

In realtà è più corretto che sia come il secondo, il cane nasce come predatore con lunghi periodi di digiuno alternati ad abbuffate. Quindi un cane alimentato correttamente non si sentirà mai tanto sazio da lasciare un succulento bocconcino.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.